Running Service - Allenamento, tabelle e corsa - Winning Program S.a.S.

Per tutti quelli che amano correre

Tutta l'esperienza e la passione di una vita di corsa.
Io apro le strade che gli altri percorrono

febbraio 2010

03/02/2010

Non va. Ma va bene lo stesso

Da qualche giorno vado a correre senza orologio: non è importante quanto corro, ma mi preoccupo maggiormente di non avvertire fastidio al tendine. Se va tutto bene non sto sulle gambe più di quaranta minuti. Al più tardi rientro a casa con il cielo che inizia a tingersi di arancio. L’ultima volta che ho messo le scarpe, ho corso per la metà del tempo che pensavo: neanche mezzo giro dell’orologio del campanile del paese.
Il freddo di queste mattine è piuttosto intenso, ma non mi disturba. Anzi, tiene il mio pensiero lontano dal “dente che duole”. La mente del podista è davvero strana: è abile come il fiuto di un segugio, segue tracce maldestre, s’intrufola a cercare sensazioni particolari, preferisce sentieri contorti. Bisogna stare davvero fisicamente molto bene ed in gran forma per non perdere il pensiero, che altrimenti andrebbe a scovare sempre quel piccolo dettaglio che non funziona, quel fastidio latente, e lo va a sviscerare, espandere, ingigantire.
Così il freddo pungente di questi giorni, che pizzica la pelle del viso, delle mani, delle braccia, è un elemento che ha la dominanza sul resto, sulle gambe pesanti, sulle ginocchia indolenzite, sul tendine che è lì lì per indurirsi. Ed appena la tensione aumenta la mente coglie questa variazione. Non so per quale motivo, ma l’altro giorno il fastidio ha superato la soglia di sicurezza, e così sono rientrato a casa. Il morale non è alto, ovviamente, ma solo per la parte sportiva. Proprio per non aver potuto portare avanti una discreta preparazione, da un paio di settimane ho accantonato i progetti agonistici della primavera. Pertanto, la decisione di sospendere gli allenamenti fino a completa guarigione dei tessuti tendinei mi pesa marginalmente.
So dove incanalare le energie che non impiego nella corsa. Al mattino presto, avendo sempre un orologio biologico che fa scattare la sveglia non più tardi delle 5.15, mi metto al lavoro ed anticipo un po’ di scadenze. Ma sono anche uscito un paio di volte a camminare con il cane. Anche Ilaria è venuta con me questa mattina.
Sono certo che agli occhi di chi s’infila imbacuccato in macchina, sembriamo dei matti. Il fascino dell’aurora e dell’alba sono sempre magici. E poi basta vestirsi bene e prestare attenzione a dove si mettono i piedi. Ci piace camminare nei boschi, ma fino alle 6.30 non si vede neppure il sentiero, sebbene un pezzo di luna cerchi di illuminare il nostro cammino. Senza dubbio la pallida luce del mattino rende l’atmosferica suggestiva, romantica.
E poi ho ripreso a fare un po’ di trading. I primi giorni sono andati bene, ma agisco ancora con prudenza.


Orlando



Allegati

Commenti

programmazione

ciao, visto che i tuoi programmi agonistici sono un pò saltati, che ne dici di inserirci la Colma-rathon del 2/5? Naturalmente è un consiglio assolutamente "disinteressato"....

mencherini marco03/02/2010 12:19:29

NON VA MA VA BENE LO STESSO

COME TI CAPISCO ORLANDO,L'ALBA E'IL MOMENTO MIGLIORE,IERI MATTINA SULLE ALTURE DI RAPALLO IL CIELO ERA META' ROSSO FUOCO META' AZZURRO LIMPIDO,E IN FONDO VEDEVO LE 5 TERRE UNO SPETTACOLO DELLA NATURA.CIAO CARLO CONELLI

Public03/02/2010 12:58:00

NON VA MA VA BENE LO STESSO

In queste ultime settimane ho dovuto rallentare pure io, non per dolori o malanni, ma solo perche c'era tanta neve da spalare,alla sera ti sembra di aver preso delle botte, dolori su tutto il corpo e braccia, comunque stai pacifico che prima o poi il sole ritornerà a sorgere anche dalle tue parti, tieni duro. Mauro

Public03/02/2010 14:01:03

non va ma va bene lo stesso

ti invidio perchè io nonostante tutto non riesco ancora a svegliarmi presto nemmeno per correre. cado dal letto in quelle ore solo per correre dietro ad un aereo (assurdo che il lavoro riesca a fare ciò che la corsa non fa). da quando non ho più nemmeno un lavoro e sono in attesa di sviluppi e diventato tutto ancora più difficile. è un po' come avere un tendine dolente ed è interessante cogliere i parallelismi tra lo stato d'animo che si crea con un infortunio e quello che si crea con un 'incidente di percorso' lungo la strada che percorriamo tutti i giorni.
in bocca al lupo campione (perchè tale rimani)
ste

Public04/02/2010 17:50:54

Trading

nooo, anche tu fai trading! spero non con azioni in questi giorni va malino altro che benino! o operi con opzioni o forex? aloha

Public05/02/2010 15:11:10

Non va. Ma va bene lo stesso

Da quando ho ripreso con il trading uso solo due ETF sull’indice S&Pmib con leva sia al rialzo sia al ribasso, (Leveraged S&P/MIB e Extra Bear S&P/MIB) e l’ultima carta che mi sono giocato è stata molto buona visto che ho scommesso sulla discesa dell’indice. Giovedì mattina avevo aperto con leva al rialzo, ma dopo i tre tentativi mancati dell’indice di superare la resistenza di 22200, quando il grafico ha iniziato la discesa ed il supporto a 22000 non lo ha tenuto. ho chiuso la posizione. Avevo uno stop loss a –2% dell’indice. All’una, sia per la continua discesa degli indici europei (ma non sapevo della crisi spagnola) e sui future in ribasso degli USA, ho aperto la posizione al ribasso. Alle 16,30 ho dovuto chiuderla perché alle 17 sono partito per lo stage alle Terme Euganee). Avrei chiuso lo stesso (tengo solo posizioni intraday), ed è stata una buona giornata davvero. Quindi, se la borsa va bene, ottimo. Se la borsa va male, meglio!

Pizzolato Orlando08/02/2010 08:40:46

Non va ma va bene lo stesso

Barbaria Stefano08/02/2010 12:17:44

Non va ma va bene lo stesso

e io che pensavo di parlasse solo di corsa e mi stavo già chiedendo se avessi sbagliato a scrivere training. pensa tu, io che 'giocavo' prima di tutti queste diavolerie informatiche e che ora non so più nemmeno di cosa stiate parlando... :-(

Barbaria Stefano08/02/2010 12:19:14

solidarietà

Sono anch'io alle prese con un tendine che duole e dopo 5 gg di stop sono uscito stasera per un test di 7,5km.
Lo sento ancora ma è sopportabile.
Domenica sono a Portofino per la mezza, so che non posso spingere, ma voglio farla e sopratutto riprendermi.

Ferazzini Juri08/02/2010 20:37:56

NON VA. MA VA BENE LO STESSO

Non sono un mattiniero, non per questo mi considero un poltrone.
Ad esigenza mi alzo a differenti orari, ma la mia routine prevede la sveglia alle 7.00.
Ho piacevoli ricordi dei pochi risvegli all'aurora, del sorgere del sole che infonde energia vitale, ma amo pure la notte con la sua oscura intimità. Che dire delle giornate soleggiate che inducono pensieri giocondi; sembrano forse malinconici la nebbia e il freddo? ma invogliano la ricerca di caldi affetti. Ogni stagione, ora, situazione ha i suoi risvolti positivi, basta saperli cogliere.
Sono convalescente, non corro da un mese e mezzo, reduce da un incidente.
E' chiaro che così non va! Ma amo cogliere, in queste occasioni, quelle sfumature, quelle particolarità che i ritmi frenetici della vita ti portano a trascurare. Per cui: non va, ma va bene lo stesso! Sono proprio d'accordo.

Public11/02/2010 09:27:16