Running Service - Allenamento, tabelle e corsa - Winning Program S.a.S.

Per tutti quelli che amano correre

Tutta l'esperienza e la passione di una vita di corsa.
Io apro le strade che gli altri percorrono

aprile 2010

17/04/2010

"Caregoto" a dieta

Una dieta presuppone delle rinunce, anche se non è sempre così. Nei giorni che precedono la maratona le rinunce sono a scapito di proteine e grassi, aspetto che per un podista è marginale perché i corridori sono, quasi sempre, golosi di carboidrati e dolci.
Gran parte delle diete sono proposte per controllare il peso corporeo. Negli ultimi tre mesi, in seguito all’inattività podistica, sono aumentato di quattro chili, ma da alcune settimane la bilancia segna sempre lo stesso peso: 72,5.
Nonostante non ci siano variazioni ponderali sento di essere dimagrito. Ho perso un po’ di massa grassa, specialmente nella zona della vita e nelle cosce. Non ho un dato numerico che lo conferma, ma la sensazione di stringere meno ciccia tra la pinza del pollice e l’indice è abbastanza evidente. Inoltre, vedo le cosce più muscolari: l’effetto tonico dei quadricipiti deriva dalle uscite ciclistiche in salita e le cronometro che faccio al mattino, cercando di spingere lunghi rapporti. La forza muscolare è aumentata; l’ho avvertito nelle due uscite podistiche di mezz’ora che ho fatto i giorni scorsi. Pur procedendo ad andatura da “caregoto” (termine vicentino per definire il tapascione), avverto che i muscoli delle gambe esercitano un discreto livello di forza, che tuttavia non riesco a sfruttare perché l’impegno respiratorio sale rapidamente a livelli elevati.
Nel mio caso le rinunce alimentari sono riferite ad alcuni cibi che causano una presunta reazione cutanea. Da una settimana mi sto astenendo dall’assumere latte, formaggi ed altri latticini. Inoltre non consumo la razione quotidiana di lievito di birra. La rinuncia maggiore che sto affrontando è però relativa al cioccolato e al cacao. I dolci mi piacciono ma non mi soddisfano e gratificano come un cubetto di cioccolato, specialmente se fondente e amaro. La rinuncia non è però così gravosa: è vero che mi dispiace non poter assaporare il cioccolato, ma se devo fare una cosa con un obiettivo specifico, non mi pongo problemi e procedo rispettando la regola. Ne approfitto di questo stimolo per verificare in quanto tempo riesco, senza alcuna dieta ma sfrondando qualche alimento, a perdere tre chili.
Sono rinunce che aumentano, seppur in maniera blanda, la forza di volontà. E’ un pretesto per stare un po’ in riga. Tanto lo so che fra alcune settimane riprenderò ad assaporare il cioccolato. L’alimento inquisito, ne sono certo, è sempre una spezia, ma piccante.


Orlando




Allegati

Commenti

Anch'io 4 Kg di zavorra!

Ieri, di ritorno da una gara a ritmo blando, rispetto alle prestazioni alle quali ero abituato, ho capito che era il momento giusto per fare un passo avanti ...
Verso quella bilancia che da un po' di tempo fissavo preoccupato ogni qualvolta mi ci sono ritrovato nei pressi.
Sono salito, ho chiuso lentamente gli occhi, forse ho anche buttato fuori l'aria in eccesso, poi ho sbirciato: oddio ... proprio come sospettavo!
Quei 4 Kg ci sono tutti e pesandomi dopo una gara forse sono stato fin troppo indulgente con me stesso. Da stamattina ho rinunciato alla pasta a colazione (ma non al panino col prosciutto) e, con qualche Km e sacrificio in più riprenderò la forma dei tempi migliori: due mesi di stop sono proprio una bella zavorra!

Public19/04/2010 10:44:09

Maratonina dei fiori

Caro Orlando,
sono Anty ti ho già scritto che ci siamo conosciuti a Roma al ritiro del pettorale e ieri sono stata felicissima di trovarti anche a San Benedetto a premiare la prima arrivata!Certo per anni ho sperato di vedere di persona un mito della maratona ed ora così per caso nel giro di poco tempo ti ho già incontrato due volte! Avrei tante domande da farti mi sono anche iscritta alla tua newsletter e spero presto di contattarti. Per me la corsa è una passione a cui non posso rinunciare per questo faccio le mie levatacce la mattina presto tutti i giorni e poi rimango delussa quando come ieri le cose non vanno ed arrivo con un tempo che cerco inutilmente di migliorare.Ma non ce la faccio a non andare a correre utte le mattine e più forte di me!Quindi niente recupero e niente miglioramento in gara.A presto e complimenti e auguri per tutto. (mio cugino VISINI è stato campione di marcia)

D'Amicodatri Antonietta19/04/2010 11:20:55

Forza e cuore

Sperando che questa volta il mio post non mi venga cancellato dopo l'invio, vorrei oltre che salutarti provare a chiederti una delucidazione , anche se nelle tue utili Newsletter hai certo toccato l'argomento. Hai appena scritto che hai acquisito forza delle gambe ma la respirazione correndo anche in modo blando, sale di pulsazioni. E' una mancanza di abitudine al gesto del correre oppure in bici viene sollecitato meno il muscolo cardiaco? Comunque il cuore pompa ossigeno ai muscoli e mi sembra che i tuoi giri in bici non siano proprio come andare al parco...Come mai allorea la respirazione è elevata tanto da farti rallentare la corsa?.
lL'eterno dolemma dei due sport bici e corsa vero?, eppure i triatleti pedalano e corrono alla grande. Scusa in effetti non è il posto giusto per queste domande...Un saluto grande a te e a tutti , podisti e ciclisti (come me).

Public19/04/2010 11:56:07

Forza e cuore

Scusa, sono Carmen.

Public19/04/2010 11:59:08

Sensazioni?

Anche io ho avuto il sospetto di un miglioramento fisico non confermato dalla bilancia. Ho cominciato a ridurre un pochino le razioni e a tenermi controllato sui dolci eppure quasi nessun calo da circa un mese. Eppure sono in buona forma, continuo a migliorare decisamente i tempi nelle gare rispetto allo scorso anno e anche gli allenamenti sono più intensi. Non c'è proprio modo di fare delle verifiche più precise? O la sensazione è legittima anche solo perché confermata dalle prestazioni?

Bonalanza Paolo19/04/2010 15:14:29

corsa e ...cioccolato

Difficile coniugare dieta e corsa xkè dopo certe sessioni (lungo) ho decisamente desiderio di ricaricarmi con .........la cioccolata !!!! Avete suggerimenti x evitare lo strappo alla regola? Sono in forma ma penso ke perdendo 2 kg ne guadagnerei in velocità (o almeno spero!).
fralorenzini@libero.it

Public19/04/2010 15:45:24

Forza e cuore

La pratica di una disciplina al posto di un’altra ha un’efficacia parziale. Il cuore non distingue se la sollecitazione deriva dal pedalare, correre, sciare, nuotare: questo muscolo lavora in relazione alla richiesta che viene fatta dall’impegno fisico. La differenza davvero sostanziale si verifica a livello periferico, vale a dire nei muscoli, ed ancora di più all’interno delle fibre muscolari. Ci sono enzimi muscolari che si attivano solo se determinate fibre vengono sollecitate. Tali enzimi sono abili a sfruttare l’ossigeno che il sangue veicola in quella specifica fibra. Ed è risaputo che pedalare, anche se fa muovere tutti i muscoli delle gambe, non sollecita in modo specifico gli stessi muscoli e quindi le fibre che producono enzimi. Queste ultime si attivano solo quando si corre. Per questo motivo, pedalare invece di correre porta solo vantaggi centrali e non periferici. Tale aspetto è evidenziato dal fatto che il campione del mondo della cronometro oppure del Tour non è in grado di fare il primato del mondo della maratona. Lo stesso discorso vale in senso opposto. I triatleti vanno forte per la loro disciplina, ma il campione olimpico di triathlon non sarà in grado di vincere anche la maratona delle Olimpiadi.

Public20/04/2010 08:34:26

Sensazioni?

E' probabile che tu abbia raggiunto il peso forma.
Per toglierti ogni dubbio fai la plicometria. Se sei sotto il 10% di massa grassa sei molto vicino al tuo peso forma

Public20/04/2010 08:36:04

corsa e ...cioccolato

Solo forza di volontà: resistere alle tentazioni. Oppure concedersi solo piccole dosi ogni tanto

Public20/04/2010 08:37:12

Dieta e Corsa

Ciao a tutti, mi ricordo che all'indomani di una delle edizioni della mezza maratona invernalissima di Bastia Umbra, scrissi un commento per la società podistica con cui sono iscritto ( Podistica Solidarietà: Perdonate un po di pubblicità). Visto che io, pur non essendo esperto, sono stato sempre attento e particolarmente interessato agli aspetti fisiologici dello sport, l'articolo di cui sopra parlava di come dovrebbe essere e di come invece è il ristoro alla fine di una gara. Perchè ho citato Bastia Umbra? Beh! è un paese alle pendici di Assisi e quindi in zona Perugina.. bene dopo tanta teoria sull'alimentazione la conclusione del mio articolo era: come resistere dopo 20 Km alle fette di pane con la fantastica cioccolata Perugina? e poi dicono che abbia anche l'ormone della felicità.
Questo non so se è vero ma vi posso assicurare che a Bastia ho difficoltà a fermarmi alla seconda fetta.

Marz

Public21/04/2010 11:36:15

caregoto a dieta

sono veramente confuso! mi hanno consiglito di perdere qualche kilo (corro solo da 1 anno, nonostante i miei 46 anni)e così ho peggiorato le performance: superare i 10 km e proseguire a passo decente (4'30"km) è diventato impossibile.
credo proprio che rimetterò 3 kg. salendo a 77kgx180cm, sono sicuro di ritrovare brillantezza... o no!

Public21/04/2010 15:45:33

caregoto a dieta

@gino: considera che per ogni chilogrammo perso risparmi 2,5 secondi al chilometro. Il peggioramento delle tue prestazioni cronometriche non è certo da attribuire al calo di peso. Indaga affinchè non ci siano altri fattori e condizionare le tue prestazioni.
La tua teoria non è proprio corretta visto che il fisico del corridore prevede che la magrezza sia una tra le caratteristiche di maggior rilevanza.

Pizzolato Orlando24/04/2010 08:51:39

eccola...un'altra a +4kg...

...e come te tutti nel giro vita e cosce....altro che prova costume...questo è il risultato di quasi 3mesi di stop x sciatalgia!:-(
...ma scusa perchè non hai tolto la pasta? Hai scelto i dolci perchè sono i maggiori reponsabili nel'aumento di peso?...non capisco...

Ciao
sabry

Public25/04/2010 23:31:31

eccola...un'altra a +4kg...

@sabri: i dolci, ma si tratta solo di qualche biscotto secco, li mangio perchè mi gratificano più a livello mentale che altro. Ma la pasta praticamente non c'è più nella mia alimentazione: arrivo a due piatti la settimana.
Ma negli ultimi 10 giorni ho perso un chilo, senza alcun controllo alimentare particolare se non l'eliminazione della cioccolata ed altri dolci che la contengono.

Pizzolato Orlando27/04/2010 08:40:23

CORSA E CIOCCOLATO

Ho il problema della cioccolata anch'io, soprattutto la sera...ho ripreso ad allenarmi e devo perdere i chili accumulati durante un anno di inattività ( ben 11 )!!! In 2 mesi ne ho buttati giù "solo" 4, e questo proprio per colpa dei miei quasi quotidiani "strappi alimentari", soprattutto la sera, e soprattutto a base di biscotti al cioccolato! Come posso fare per spezzare questo circolo vizioso? Il cioccolato la sera mi rilassa, oltre a gratificarmi...è una specie di doping!

Public02/06/2010 21:05:10