Running Service - Allenamento, tabelle e corsa - Winning Program S.a.S.

Per tutti quelli che amano correre

Tutta l'esperienza e la passione di una vita di corsa.
Io apro le strade che gli altri percorrono

marzo 2011

14/03/2011

Letargo post maratona

Lo sforzo per correre una maratona, si sa, è molto elevato… ma tolte le scarpe e fatta la doccia, la fatica è alle spalle. Si apre un breve periodo in cui il carico di allenamento è ridotto: dopo tanta corsa si apprezza il disimpegno fisico necessario per favorire il recupero e la rigenerazione. Oltre a percorrere meno chilometri, si può saltare qualche seduta e quindi ci si appresta ad un breve periodo di rilassamento fisico e psicologico.
Nei primi giorni di questa fase di distensione ci si lascia andare, e si attende che la stanchezza si attenui e che si riducano gli indolenzimenti muscolari. Ci si abbandona quindi alle facili e leggere sedute di corsa di rigenerazione, ma nel mio caso verifico che dopo alcune uscite di basso impegno fisico, le sensazioni di pesantezza mi accompagnano ad ogni seduta. Dopo l’ennesima corsa blanda non riesco più a distinguere se i muscoli sono appesantiti e legati per la stanchezza dello sforzo della maratona, oppure per la letargia che s’instaura in seguito al procedere chilometro dopo chilometro con un passo pigro.
Ora mi trovo appunto a vivere le brevi uscite con tanta noia e scarsa motivazione. Incontro difficoltà a dare la scossa al mio corpo per uscire dalla pigrizia generalizzata che mi assale, tanto che mi sembra impegnativo accennare anche una leggera progressione e correre degli allunghi.
Nei prossimi giorni avrò delle risposte dal mio corpo e capirò se ci sarà un risveglio muscolare. Con l’arrivo della primavera spero di uscire dal breve periodo di letargo in cui mi trovo. L’aumento della temperatura potrebbe aiutarmi.


Orlando



Allegati

Commenti

post maratona

probabilmene incide anche sul tuo umore l'insoddisfazione per l'andamento di Barcellona. Se tu avessi chiuso la gara rispettando i tuoi obiettivi magari adesso avresti già in programma la prossima maratona

Public14/03/2011 16:02:57

LETARGIA

Mi rivedo nelle sensazioni descritte da te,mi rivedo nei post-gara che mi lasciano fisicamente stanco e mentalmente un po svuotato.Ho ragionato se sfosse prevalente l'aspetto fisico su quello mentale,ma poi,se dopo poche ore dallo sforzo le gambe riprendono vita la parte che resta è la " cabeza" che si mette in proprio e aspetta altre forti emozioni per riprendere brillantezza.Si,la mia parte che più vive i giorni antecedenti la gara e la gara stessa è la testa,poi quando faccio partire le gambe alla partenza è tutto compiuto ....o quasi.Certo lo sforzo fisico lo metto nei minuti di gara,ma è il prima che mi " prende" ed entusiasma,gli allenamenti ,attaccare il numero alla maglia,mettere le scarpe,fare riscaldamento, l'apprensione dei secondi prima del via.Tutte queste emozioni spariscono dopo l'arrivo,o meglio si trasformano in altre ma esenti da quella benzina che mi ha infiammato fino a pochi minuti prima.Diventa palese quindi un rilassamento mentale che spesso in me si trasforma vera e propria letargia e ritorno a essere un po un runner "fancazzista"..........fino alla prossima però!!

Public15/03/2011 12:01:43

Post maratona

Condivido l'idea di Public, la testa agisce in modo detrminante sull'andamento fisico. Ritrovare motivazioni aiuta a dare energia e individuare un nuovo obiettivo aiuta tutto il corpo a reagire e a trovare le energie e la brillantezza per ripartire. Forza Orlando, imbraccia il fucile e mira un altro bersaglio, sono sicuro che questa volta farai centro!!

Public15/03/2011 16:12:36

seconda cartuccia

quanta fretta di recuperare si legge in TWITTER! quasi come dopo Berlino nell'autunno scorso

prima che si accavallino gli impegni lavorativi dell'estate troverai di sicuro un'altra occasione

Italia o estero?

Public15/03/2011 21:18:48

Ringraziamento

Vi ringrazio per i commenti, gli incitamenti e i suggerimenti.
Dopo tanti anni di attività podistica, il correre per il semplice gesto di correre mi piace poco e mi ... annoia. Aver un obiettivo mi servirebbe a motivarmi ma non avendo week end liberi per svariate settimane non ho la possibilità di programmare competizioni e quindi dovrei vivere alla giornata. Senza obiettivi agonistici andrò a ricercare soddisfazioni podistiche correndo nella natura, quindi fuoristrada tipo trail, e quindi con meno tecnicismi.

Pizzolato Orlando16/03/2011 10:02:52

record sulla mezza

Caro Orlando
grazie alle tue tabelle e alla mia "tigna" ho polverizzato il mio personale sulla mezza!
Roma -Ostia in 1H 47'..non male per me che ho ripreso a correre a 55 anni, tre anni fa.
Domenica MARATONA DI ROMA..L'ADRENALINA GIA' SALE!
a PRESTO e un saluto a tutti i runners!

Franco Quaranta - Roma

Public17/03/2011 13:04:09