Running Service - Allenamento, tabelle e corsa - Winning Program S.a.S.

Per tutti quelli che amano correre

Tutta l'esperienza e la passione di una vita di corsa.
Io apro le strade che gli altri percorrono

dicembre 2011

05/12/2011

Probabilmente l'ultima

La crisi economica mondiale è l’argomento che in proporzione occupa più spazio nei giornali e in televisione, e l’incertezza del futuro si diffonde un po’ in tutte le persone. Per tanti, come emerge anche dalla manovra proposta dal Presidente del Consiglio Monti, sarà un periodo di sacrifici che porterà molto probabilmente ad un periodo caratterizzato dalla maggior attenzione alle spese. Tale prospettiva condizionerà i singoli individui, le famiglie, le aziende e tant’altro.
Con un futuro incerto meglio essere prudenti, perché la situazione potrebbe peggiorare e quindi la gestione delle risorse è un aspetto a cui si riserverà un’attenzione maggiore rispetto a quanto fatto finora.
Il 2012 sarà l’anno olimpico. Sono inoltre in programma i campionati europei di calcio, e come sempre ci sarà la Formula Uno, il Motomondiale, il Giro d’Italia, il Tour de France e tante altre manifestazioni sportive, tra le quali le classiche maratone.
I costi per trasmettere queste manifestazioni hanno portato la Rai ad un’esposizione economica rilevante, tanto che il nuovo anno inizierà già in posizione debitoria. Per non aggiungere ulteriori spese sembra che la Rai abbia deciso di non trasmettere più la diretta delle classiche maratone italiane. E’ quindi molto probabile che la maratona di Firenze della scorsa settimana sia stata l’ultima occasione per stare a fianco in bici ai protagonisti delle corse. Non credo che gli organizzatori si accolleranno le spese di una produzione in diretta (elicotteri, moto, regia), pertanto le maratone italiane, ad eccezione di qualcuna, saranno trasmesse in differita.
Dovrebbero invece resistere le maratone internazionali: New York, Londra e Boston.
La maratona nostrana sarà pertanto retrocessa in una sorta di serie B.
Vedremo.


Orlando



Allegati

Commenti

L'ultima

Ma..... tribune di autodromi e spalti degli stadi sono sempre e costantemente meno frequentati,vuoi per il costo del biglietto se parliamo di autodromi vuoi per la pericolosità degli stadi italiani.Lo so che è l'introito pubblicitario che conta e non il numero dei biglietti venduti ,ma rimango imbarazzato se penso ai numeri che una maratona riesce a muovere.Probabile che il " pacchetto maratona"non sia ancora ben venduto e publicizzato!
Ciao Orlando

Public05/12/2011 15:40:34

l'ultima

....che dire, non sono d'accordo, visto che l'atletica viene sempre più relegata in secondo piano a vantaggio di altri presunti sport come alcuni di quelli che hai citato e dove girano un sacco di soldi.

Public05/12/2011 17:06:52

L'ultima

mi chiedo come si possa dire che il calcio porti pubblicita' e soldi, io vedo solo gente che finge un fallo, partite truccate dalle scommesse ecc. ecc.. ma i 16200 partenti alla maratona di roma quelli si che erano tutti veri, per non parlare di tutti i famigliari al seguito, e la rai perde tutto questo!!!!!!!
Ciao Orlando

Public05/12/2011 19:27:12

l'ultima

RAI MA VA A.......QUANTI SOLDI A FIORELLO E COMPAGNIA BELLA?????TOGLI A LORO NON A NOI CHE SUDIAMO E PAGHIAMO PER CORRERE

Public05/12/2011 20:06:40