Running Service - Allenamento, tabelle e corsa - Winning Program S.a.S.

Per tutti quelli che amano correre

Tutta l'esperienza e la passione di una vita di corsa.
Io apro le strade che gli altri percorrono

Archivio racconti

22/06/2012

Il racconto di Stefano - L'aperitivo

RUNNERS&WRITERS
Anno 1 - numero 28
Venerdì 22 giugno 2012

L'aperitivo

Stasera ho voglia di un buon aperitivo, il classico, tradizionale, aperitivo, che nulla ha da spartire con le nuove tendenze proposte come sostitutivi di pranzi o cene. Un martini cocktail, secco, forte, da aprire lo stomaco e alleggerire i pensieri, accompagnato da patatine fritte, olive, ed arachidi, anzi no, meglio pistacchi perché nel vassoio delle noccioline tocciano tutti senza ritegno e chissà cosa hanno toccato tutte quelle mani. Mi viene sempre in mente il film "e adesso arriva Polly", con la fobia del protagonista per le arachidi servite al bar, e ogni volta, sorrido, pensando a quelle scene. Mi piacciono gli attori Ben Stiller e la Aniston, la famosa star della serie televisiva Friends, o meglio conosciuta come l'ex moglie di Brad Pitt… ma siamo già alle chiacchiere da bar, di un tradizionale aperitivo. E' si, sta proprio lì, l'essenza del rito, divagazioni leggere e stuzzichini semplici, per staccare dall'impegnativa giornata. Avanti allora, patatine fritte, unte, buone, una tira l'altra, la patatina tira sempre, come diceva… una star di lungo corso. Il vassoio viene riempito a ripetizione, poi si passa alle olive, fantastiche da spezzare il ritmo, sfiziose, e gustose, quindi i pistacchi, dall’aristocratico sapore, il godimento assoluto. Il tutto accompagnato dal drink, il "signor" martini, agitato non mescolato, come ordinava... l’omonimo* dei tanti pressati dall’angosciante spread. Piccoli sorsi tra un boccone e l'altro, il bicchiere si svuota dosando e sublimando il sapore. C'è spazio per un bis, una volta ogni tanto, one more come cantava il comandante Vasco, anche se qualcosa sembra frenare la spinta, forse perché dopo bisogna guidare o per paura di perdere la linea? L'euforia donata dall'alcol è già in circolo però, allora avanti, un altro giro, accompagnato da altre patatine, altre olive, e arachidi, questa volta, i pistacchi sono finiti, le remore pure. Gli spuntini salati richiamano sempre più frequentemente il bicchiere alle labbra, allegria!!! Anche se una voce interiore sembra sussurrare di fermarsi, cosa vorrà dire? Forse che ci si può far male e soprattutto si rischia danneggiare degli innocenti? Va beh! Solo un’altra corsa.
Mi sveglio intontito con un leggero mal di testa, la gola secca, una gran ansia, la solita depressione post stravizio che mi assale: "ci son cascato un'altra volta, potevo fermarmi al primo bicchiere e alzarmi sereno, e invece… " Cosa voleva suggerirmi quella vocina?
Sono un podista convinto, o almeno così me la racconto, e come tutti giorni, anche oggi "devo" andare a correre, ma è come aver perso una settimana, il fiato è corto, le energie sono poche, il fegato accusa: imputato rallenti il passo. Un bicchiere di troppo, una settimana d’allenamento in meno, la prossima volta non bevo più e dò retta alla mia coscienza.
Si dice sempre così, poi i buoni propositi, corrono via.
*”Bond, il mio nome è James Bond”

Stefano Medici

Stefano Medici è nato e vive a Bologna dal 1968. Corre regolarmente per le strade, i parchi e le colline del... pianeta. Da runner incallito, non ha paura della distanza, tantomeno di quella che separa il sogno dalla realtà.

“Scrivere è come intraprendere un percorso dove poter correre liberamente, amo la corsa e la scrittura,” è il suo pensiero.
E’ autore, con la collaborazione di tanti amici, del libro: Di corsa attorno al mondo – Dalla strabologna ai confini della terra (Zona Ed.)
della saga dei nanetti:

Il terrazzo dei nanetti extended version va mo là
El campo della pelota
Il mistero della pagoda del loto

E della raccolta completa:
La trilogia della civiltà (Giraldi Ed.)

http://www.stefanomedici.com/
http://www.youtube.com/user/TETORUN
http://www.flickr.com/photos/stefanomedici/



Allegati

Commenti

L'aperitivo

Complimenti. La descrizione dell'aperitivo - prima, durante e dopo - è perfetta!

Public23/06/2012 14:08:04

L'aperitivo

A volte le conseguenze di un bicchiere di troppo sono anche al di fuori del nostro fegato.

Public25/06/2012 10:25:31

Per chi non sa cosa significa "Tocciare"

..Nel vassoio delle noccioline "TOCCIANO" tutti senza ritegno...??

guerini giulio02/07/2012 21:59:24

Per chi non sa cosa significa "tocciare"

Si, effettivamente tocciare è un termine di uso comune in Emilia. Sinonimo di intingere, inzuppare. Ho voluto inserirlo in questo contesto per estremizzare l'immagine della mano che si immerge nel vassoio delle noccioline. Distrazione in slang bolognese:-) Firma celata delle mie origini;-)

Public03/07/2012 14:05:33