Running Service - Allenamento, tabelle e corsa - Winning Program S.a.S.

Per tutti quelli che amano correre

Tutta l'esperienza e la passione di una vita di corsa.
Io apro le strade che gli altri percorrono

Archivio racconti

05/12/2012

Il racconto di Massimo - Specchi impressionisti

RUNNERS&WRITERS
Anno 1 - numero 47
Mercoledì 05 dicembre 2012

Specchi impressionisti

Quella stessa strada. Percorsa oramai chissà quante volte. Consumata da me e da tutti coloro che amano la poesia di questi argini. Sono angoli nascosti nelle città, inconsapevoli terre di confine tra il denso asfalto e un minimo di ruralità che si affaccia timidamente senza disturbare. Strade strerrate che si perdono per svariate centinaia di metri, regalando il loro piccolo riparo dal frastuono a motivati podisti, a silenziosi passeggini e a tenere coppie di anziani.
Da qualche anno per età e per determinazione mi trovo con piacere a far parte del mondo appassionato di chi ha conosciuto la corsa e non può più farne a meno. Conosco diversi minuscoli paradisi italiani ove andare ad agitare gambe e pensieri, ma colli, mari e montagne non sono mai come quel pezzo di cartina che puoi definire casa.
Casa mia è un piccolo argine disegnato per cinque o sei chilometri. Alberi di vario tipo ai lati, soprattutto salici piangenti le cui fronde cadenti a volte si scontrano con il mio viso. L'immobile specchio d'acqua mi accompagna con le sue foto riflesse... sembrano quadri di grandi impressionisti. M'incanto a guardarli chiedendomi se tutto ciò è vero o magari, se colto da fata morgana, sto sognando qualcosa che nella realtà non c'è. Alla fine mi rispondo sempre che l'importante è che sia presente nella mia mente. Può essere che riesca a vederlo solo io, perchè forse ne ho bisogno o, più probabilmente, perchè sono un tutt'uno con la magia che sto vivendo in quell’esatto momento.
Dentro a quell'acqua che non sa rifletto i miei desideri godendomi della sensazione di andare avanti! Ed è proprio quando questo trasporto si accende dentro di me che la natura, senza chiedere, risponde. Attraverso nuove luci nel fiume che corrispondo a piccole e improvvise illuminazioni. Oppure melodiosi uccelli mi appaiono accanto quasi ad incitare, a loro modo, il mio umile modo di volare. Altre volte un rivolo di vento invade la mia fronte sudata e sa di richiesta divinamente esaudita.
Mille e più sono i sorrisi che il cuore riesce a fare in quell'ora che mi concedo. Si tratta di una densa e mistica sessione di purificazione. Un dialogo tra me, abituato nella vita a muovermi troppo spesso a duecento all'ora, e quell'acqua, statica e impressionante nella sua capacità di emozionarmi. Voglio portarla con me, tra le immagini da cui apprendere, per saper attingere quella disarmante semplicità di “essere”…. candidamente nella sua purezza.

qui la versione multimediale: versione multimediale su youtube

altri racconti di Massimo Pozzi: "With... and without you"

Massimo Pozzi

Nome e cognome: Massimo Pozzi
Pseudonimo occasionalmente utilizzato: Jack Wells
Nato a Padova il 23/12/1976 e residente a Montegrotto Terme (PD)
Dal Febbraio 2012 è online il mio sito www.maxpozzi.net costituito da alcune rubriche dinamiche e, in particolare,un blog dedicato a metaforici racconti podistici e non solo. Sarà un canale con cui intendo anche promuovere le mie attività letterarie: racconti,audioletturee pubblicazioni di libri.
La mia raccolta di racconti denominata “Affreschi sulla strada” verrà pubblicata nelle prossime settimane.
Sono arrivato tra i 5 finalisti del concorso nazionale “I colori della vita” dell’Associazione “I giardini dell’anima” di Roma.
Sono stato inoltre pubblicato sulla rivista di podismo “Runners world” e all’interno di una raccolta di lettere denominata “Scritti di corsa”.
In occasione del mio esordio nella 100km del Passatore, correrò anche per scopi benefici. Il tutto è ben descritto sulla pagina "Raccolta fondi" del mio sito.



Allegati

Commenti

specchi

veramente un bel testo! Complimenti

Public23/01/2013 12:37:03