Running Service - Allenamento, tabelle e corsa - Winning Program S.a.S.

Per tutti quelli che amano correre

Tutta l'esperienza e la passione di una vita di corsa.
Io apro le strade che gli altri percorrono

Archivio racconti

04/04/2014

Il racconto di Alessandro - 42,195 km di amicizia fraterna

RUNNERS&WRITERS
Anno 3 - numero 101
Venerdì 4 aprile 2014

42,195 km di amicizia fraterna

Due colleghi messi li così per caso nel lontano 2005 e gli è bastato uno sguardo per diventare subito Amici fraterni…
Loro così diversi ma così uguali…lui romanista e lui laziale, uno sportivo fuori e uno sportivo dentro, uno preciso e uno disordinato, uno puntuale e uno con 10 appuntamenti alla stessa ora, ma tutti e due accomunati subito da un’unica grande certezza…poter contare sempre l’uno dell’altro.
In questi anni, sul lavoro, si sono sempre coperti le spalle a vicenda…hanno fatto vacanze da soli in giro per il mondo sentendosi di nuovo bambini, come se stessero facendo il loro secondo viaggio della maturità…ma con l’unica differenza che questa volta al loro ritorno avevano entrambi delle mogli stupende e dei figli/e fantastici ad attenderli..
Nel 2011 però decisero di fare qualcosa che poche persone possono apprezzare e soprattutto capire…correre una Maratona…e non una qualsiasi ma bensì quella di New York… Correre 42 km e 195 metri di corsa…solamente chi li ha percorsi (e non in macchina!!!) può capire e apprezzare cosa si possa provare all’arrivo…la Maratona è tutta una questione di testa, di determinazione, quando si corre si corre da soli, chi hai accanto, a meno che tu non sia un keniano di 50kg, diventa un tuo amico con cui farsi forza a vicenda; la Maratona è soprattutto la determinazione e il coraggio che ti spingono ad andare avanti, anche quando tutto sembra impossibile, la stessa determinazione che ti da la forza di non mollare anche quando può accadere di imbattersi nel cosiddetto “muro del 30° km”….la Maratona è lo specchio della vita!! E una volta che finalmente sei riuscito a correre, anzi a “vivere” per 4/5 ore e vedi li in fondo l’arrivo, urli, sorridi, ringrazi tutti (vicini e lontani)….e ti senti l’uomo più forte del mondo…l’uomo che potrebbe fare qualsiasi cosa…l’uomo al quale ogni cosa impossibile diventa possibile!!
Ad ogni Maratona che facciamo e che abbiamo fatto (New York, Roma, Firenze, Berlino,…) alla partenza i nostri sguardi si incrociano come per dirci “sei un grande so che ce la farai anche questa volta”…tra noi non servono le parole, bastano 2 sguardi…noi siamo così, siamo sempre stati così sin dall’inizio…ci basta uno sguardo per capirci subito!!! Questa è l’amicizia fraterna!!!

Alessandro de Tommaso

http://www.villapirandello.it/alessandro-e-paolo-i-due-capi-si-raccontano/



Allegati

Commenti