Running Service - Allenamento, tabelle e corsa - Winning Program S.a.S.

Per tutti quelli che amano correre

Tutta l'esperienza e la passione di una vita di corsa.
Io apro le strade che gli altri percorrono

ottobre 2014

13/10/2014

Analisi tecnica Maratona di Chicago 2014

Ho seguito con interesse la maratona di Chicago; speravo fosse migliorato il primato della corsa (2h03'45” di Kimetto nel 2013). Il passaggio nelle prime due frazioni di 10km faceva ben sperare ma questo ottimismo è scemato quando ho visto il rallentamento della terza frazione di 10km. Ho pensato che l'ambizione alla vittoria e la sfida con Bekele fosse più importante del responso cronometrico. Ho anche pensato che il vento stesse condizionando il rendimento (seguivo la gara su Twitter perchè ero a Carpi impegnato per la telecronaca della maratona).

Questa la sequenza dei parziali:
0- 10km in 29'30”
10 – 20km in 29'32”
20 30km in 29'44”
30 – 40km in 29'07”
L'accelerazione di Kipchoge avvenuta nell'ultima frazione è stata davvero rilevante. Non solo 10km a 2'54” al km, ma anche ben 2'52” per i 2195 metri finali (6'18”); la più veloce frazione finale mai corsa a Chicago.
Nei 5km tra il 35° ed il 40° km Kipchoge ha corso in 14'35”, la più veloce frazione di sempre a Chicago.
Inoltre, la frazione di 12195 metri regge bene il confronto con i primatisti del mondo:
Kipchoge a Chicago ha corso in 35'25”
Kimetto a Berlino (2014) ha corso in 35'21”
Kipsang a Berlino (2013) ha corso in 35'23”

L'accelerazione di Kipchoge gli ha permesso di correre la maratona con il negative split: 62'11” + 62'00”.
Sul piano fisiologico le mie considerazioni riguardo Kipchoge non cambiano: come indicato nel post di venerdì, è tra i miei preferiti per il futuro della distanza e per il miglioramento del primato. Ce ne sono altri 4 che ritengo forti come lui e nelle prossime settimane presenterò la loro analisi tecnica.

Un po' di delusione per la prova di Bekele: credo che stia faticando a trovare la soluzione tecnica alla preparazione di una maratona.

La maratona di Chicago è seconda solo a Berlino in termini prestativi se si fa la media dei primi 10 tempi mai conseguiti: 2h04'40” contro 2h03'55”.
Veloce per i top runner, ma veloce anche per gli amatori: ho allenato 9 corridori per questa prova e tutti e 9 hanno conseguito il primato personale.



Allegati

Commenti