Running Service - Allenamento, tabelle e corsa - Winning Program S.a.S.

Per tutti quelli che amano correre

Tutta l'esperienza e la passione di una vita di corsa.
Io apro le strade che gli altri percorrono

Archivio racconti

28/01/2015

Il racconto di Nico - Al Maha Fun Run: la mia prima gara nel deserto, il mio primo “podio”

RUNNERS&WRITERS
Anno 4 - numero 111
Mercoledì 28 gennaio 2015

Al Maha Fun Run: la mia prima gara nel deserto, il mio primo "podio"

Il 28 Novembre 2014, presso il resort Al Maha, A Luxury Collection Desert Resort & Spa (situato lungo la Dubai/Al Ain Road) si è tenuta la seconda edizione della Al Maha Fun Run, un evento dedicato ad amatori e podisti esperti.
Tra le due categorie (10 e 15 km) ho scelto la seconda, con un percorso che si snoda completamente all’interno del resort (situato a sua volta all’interno del Dubai Desert Conservation Reserve – il primo Parco Nazionale degli Emirati Arabi). Terreno sterrato / sabbioso, con gli ultimi 5 km di dune sabbiose. Una prova dura per il corpo (se non si è abituati a correre nel deserto) e per la mente (quando non hai una strada ma solo sabbia intorno a te, devi affidarti alla “traccia” di chi è passato prima di te, e in ogni caso non hai certezze).
Una sensazione nuova. La mia prima gara “vera” nel deserto. Da tanto la avevo programmata e finalmente ho avuto l’occasione, in previsione di quella che sarà una vera e propria maratona. Una sensazione nuova. Un paesaggio diverso dal solito in cui correre; non hai supporter lungo la strada che ti incoraggiano; aver pochi partecipanti fa in modo che tu stia tanto tempo da solo, lasciandoti il dubbio di aver sbagliato strada a volte e lasciandoti senza la carica intrinseca di quando vedi qualcuno da superare o qualcuno che sta raggiungendo e ti incentiva ad aumentare il passo. La solitudine in questo tipo di gara credo sia l’avversario più temibile. Quando cala il sole inizia a fare freddo, un freddo che non ti aspetti. Correre sulle dune mette anche a dura prova muscoli che in genere non usi con tale intensità: gli addominali e la schiena fanno fatica a resistere. Ogni tanto in lontananza vedi un orix o un cammello, e avresti voglia di lasciare il percorso per inseguirlo, vorresti avere la tua macchina fotografica per scattare delle foto.
Nonostante i pochi partecipanti nella mia categoria (anche a causa della difficoltà della competizione), l’emozione è stata sempre la stessa di ogni competizione: la tensione prima della partenza, la fatica quando vedi ancora metà cammino davanti a te, la gioia di quando avvisti il traguardo. E poi.. l’aver avuto pochi antagonisti mi ha dato la possibilità di conquistare il mio primo podio…! Un secondo posto.
La Al Maha Fun Run è stato anche un evento benefico: la fee di iscrizione di 100 AED infatti, sarà devoluta alla Starwood’s Roads to Awareness (R2A) campaign in supporto dell’UNICEF.
Prima di concludere, vorrei ringraziare Raffaele Lo Moro, che mi ha dato modo di venire a conoscenza della competizione. Vorrei ringraziare Hadinda van Vugt e lo staff dell’Al Maha resort per l’ospitalità. Vorrei ringraziare Mary Samele, Francesca Riva e Giorgio Massotti per il fondamentale supporto logistico. Vorrei ringraziare Stephan Vanden Auweele per aver corso con me nella categoria 15 km.
E in particolare vorrei ringraziare Rashid bin Mohammed Al Qubaisi, che ha presenziato alla manifestazione e consegnato i premi ai vincitori. Sono stato onorato di poter essere accompagnato al traguardo dai suoi due figli.

altri racconti di Nico:
Il racconto di Nico - I miei primi 42km nel deserto
Il racconto di Nico - Keep Calm and.. corriamo 100 Km per celebrare il 44° National Day degli Emirati Arabi
Il racconto di Nico - Firenze Urban Trail 2017

Nico de Corato

Blogger, maratoneta e atleta (amatore), divemaster e heli rescue swimmer con i Bergamo Scuba Angels.

Potete leggere il mio blog www.dubaiblog.it.

Contattarmi sui social network o via email all’indirizzo admin@dubaiblog.it per informazioni su questo articolo, per programmare un allenamento o un’immersione insieme o anche solo per un saluto.



Allegati

Commenti