Running Service - Allenamento, tabelle e corsa - Winning Program S.a.S.

Per tutti quelli che amano correre

Tutta l'esperienza e la passione di una vita di corsa.
Io apro le strade che gli altri percorrono

settembre 2015

29/09/2015

Kipchoge vs Pizzolato (Anna)

La prestazione del kenyano alla maratona di Berlino di domenica scorsa è stata molto buona, seppur non ottimale. Dal mio punto di vista Kipchoge, pur non valendo ancora il primato del mondo (per un'efficienza metabolica non ottimale), è però in grado di completare la distanza in 2h03'20”/30”, tempo che forse avrebbe conseguito se non avesse avuto il ben noto problema con le solette delle scarpe.

Ben altra cosa è l'attività podistica di mia figlia maggiore. Perchè?
Anna è arrivata oggi a correre per 30'. Proprio così, mezz'ora di corsa. Qual è l'aspetto particolare? Fino a 2 settimane fa mia figlia era la negazione assoluta dello sport praticato, l'anti fatica per eccellenza che sbandierava con orgoglio da sempre tanto che, se mi avessero chiesto su cosa scommettere per certo, avrei puntato tutto sulla pigrizia di Anna.

Se la prestazione che ha conseguito Kipchoge era scontata, sorprendente è il fatto che Anna non solo è arrivata a correre per mezzora, ma pure con lo slancio podistico che noi tutti abbiamo provato: non vede l'ora di andare a correre.



Allegati

Commenti

Bravissima Anna!!

La corsa possiede questa magia incredibile, provi un giorno a 38 anni, sei sovrappeso e sei stufa di esserlo, non hai mai fatto altro che stare seduta, ti sembra da infarto sostenere anche quel minuto della tabella, sei paonazza, hai il fiatone, ti passano anche i cagnolini, sembra che ti guardino tutti, sei goffa...AIUTO, e ti ritrovi a quasi 42 a poche ore dalla tua terza maratona!
Carissima, fai tesoro di tutti i consigli unici e preziosi che riceverai in casa, goditi la gioia immensa di ogni piccolo miglioramento e di ogni chilometro che conquisterai da qui in avanti. Poter correre è davvero un dono fantastico!
Vorrei suggerirti un libro che mi ha toccato molto, se posso, magari lo conosci già o ne avrai sentito parlare: "Non dirmi che hai paura" di Giuseppe Catozzella. E' la storia di Samia Yusuf Omar. Samia voleva solo correre perché la corsa era la sua vita. Ma non ti dirò altro, se non...buone corse Anna! :-)

Mad_the_mith30/09/2015 11:47:40