Running Service - Allenamento, tabelle e corsa - Winning Program S.a.S.

Per tutti quelli che amano correre

Tutta l'esperienza e la passione di una vita di corsa.
Io apro le strade che gli altri percorrono

Archivio racconti

26/10/2015

Il racconto di Alberto - Questa ve la devo raccontare...

RUNNERS&WRITERS
Anno 4 - numero 134
Lunedì 26 ottobre 2015

Questa ve la devo raccontare

Due settimane fa vado a correre lungo un argine. Il percorso è un'andata e un ritorno lungo la stessa strada fino ad una diga.
Un centinaio di metri dopo il giro di boa incontro un altro corridore. Non lo conosco personalmente ma solo di vista, in quanto abbiamo un amico in comune. Ci scambiano un cenno di saluto come si usa tra runners.
Qualche minuto dopo sento dietro di me dei passi che si avvicinano, è il runner di prima che mi sta raggiungendo.
Un tempo avrei aumentato per non farmi raggiungere o lo avrei aspettato per poi aumentare gradualmente e farlo scoppiare, ma ora sono un corridore "zen" e lascio che il destino si compia.
Il misterioso runner mi raggiunge, mi affianca e anziché sorpassarmi prosegue al mio passo.
Mi scruta per un po' e poi domanda: "ma tu sei Spina ?"
"Dalla nascita" gli rispondo.
"Beh, no, perché, mi sembravi da lontano, però non ero sicuro, sai, insomma..."
Comprendo l'imbarazzo del mio interlocutore e dico "Ok, capisco non ti sembra possibile che possa andare così piano".
" Ma no, figurati. Uno come te con i tuoi tempi, ti seguo da anni, ti conosco non mi permetterei mai..."
Passa qualche secondo e poi aggiunge " Ma cosa ti è successo ?"

Sigh!

altri racconti di Alberto Spina:
"Miglioramenti annuali"

Alberto Spina

Alberto, classe 1963, risiede a Casale Monferrato insieme alla moglie Laura, insegnante di matematica e appassionata di sport come il marito. La sua “carriera” sportiva si articola in due periodi. Il primo, a partire dalle categorie giovanili fino alla fine degli anni '80 si svolge prevalentemente su pista dove ottiene discreti risultati, tra cui 16.09 sui 5.000, ed un titolo regionale sui 10.000 m; dalla fine degli anni '90 al 2014 si dedica prevalentemente a gare su strada vincendo un titolo regionale MM 35 in maratonina in 1h14 e correndo a quasi 40 anni la distanza di maratona in 2h40. Tra i due periodi si dedica allo sci di fondo e alla Mountain bike per soddisfare il suo desiderio di agonismo, diventando anche tecnico istruttore Fidal.Con il passare degli anni i suoi tempi si alzano e negli ultimi 10 anni annuncia il suo ritiro innumerevoli volte riuscendo sempre a smentirsi. Nel 2011corre Boston in 2.59 e nel 2013, alla soglia dei 50, vince in bronzo ai World master Games di Torino sui 5.000 m corsi in 18.04. Quest'ultimo traguardo raggiunto viene visto come il momento giusto per smettere ed attualmente il proposito sembra essere "sostanzialmente" rispettato.



Allegati

Commenti