Running Service - Allenamento, tabelle e corsa - Winning Program S.a.S.

Per tutti quelli che amano correre

Tutta l'esperienza e la passione di una vita di corsa.
Io apro le strade che gli altri percorrono

Fisiologia e salute

26/01/2016

Dolore sotto al piede

Ciao a tutti, vengo subito al dunque. Fino a due mesi fa correvo tranquillamente 10km 3-4 volte a settimana con anche altri allenamenti di running su asfalto. Ora dopo qualche km di corsa il secondo e terzo dito del piede destro cominciano a darmi fastidio e si irrigidiscono tanto da costringermi ad abbandonare la corsa dopo 4-5km. Ho cambiato due paia di scarpe (la prossima settimana comincerò a correre con le ghost7) e plantari (su misura) ma non ho risolto il problema. Attualmente faccio due allenamenti in piscina, due in bici e due di corsa. Chiedo aiuto per capire cosa possa essere e che strategie potrei attuare per alleviare questo fastidio
Andrea



Allegati

Commenti

dolore sotto al piede

Estensori delle dita accorciati, probabile accorciamento anche dei flessori brevi delle dita. Massaggio profondo a carico di questi muscoli. Applicazione di kinesio taping in scarico.

Pino Sestito26/01/2016 17:22:01

Grazie mille. Per il momento dopo un breve periodo di scarico, massaggio e tecar devo dire che è migliorato anche se non scomparso del tutto. Sono tornato a correre per distanze più lunghe anche se non sono al 100%

Andrea27/01/2016 20:38:54

dolore sotto al piede

Se il dolore/fastidio che avverti causa delle sensazioni simile ad una leggera "scossa", potrebbe trattarsi della compressione del nervo sensitivo di Morton. La compressione potrebbe essere determinata da un leggero cedimento delle teste dei metatarsi del 2 e 3° metatarso.
In questo caso non c'è la necessità di plantare specifico ma di una soletta che abbia un cosiddetto "rialzo di scarico" tale da allontanare leggermente le teste metatarsali e liberare così il nervo dalla pressione. A volte la compressione del nervo di Morton può essere causato dall'uso delle scarpe da ciclismo, o meglio, dalla forza che si applica sui metatarsi quando si pedala in salita (specialmente nel "fuorisella";) e le pressioni non vengono ammortizzate adeguatamente per la rigidità dei materiali di queste scarpe.

orlando28/01/2016 12:25:07

Grazie Orlando, in effetti vado anche in bici e mi sto preparando per l'ironman70.3. Ora il quadro si fa più chiaro

Andrea28/01/2016 19:14:04