Running Service - Allenamento, tabelle e corsa - Winning Program S.a.S.

Per tutti quelli che amano correre

Tutta l'esperienza e la passione di una vita di corsa.
Io apro le strade che gli altri percorrono

agosto 2016

15/08/2016

Emma e le scarpe bucate (di Chiara)

Un altro aneddoto, stavolta sulla bella e brava Emma Coburn, medaglia di bronzo sui 3000 siepi a Rio, record americano e prestazione di valore che dà giusto merito ad un'atleta seria e generosa.

Siamo a Zurigo, il giorno prima del meeting al Letzigrund del 2015, hotel ufficiale. Passo a prendere l'accredito, seguito dalla famiglia. Anna e Chiara sbirciano qua e là a caccia di atleti. Ma ecco che arriva la guardia dell'hotel che raccomanda di non avvicinare i futuri protagonisti del meeting. Anna e Chiara si ritirano timide, preoccupate di disturbare.
Di lì a poco scende dalle scale la bionda Emma Coburn. Chiara le sgrana i suoi occhioni, lei ricambia con un sorriso ed esclama: “I love your shoes!”. Emma è atleta New Balance, Chiara indossa New Balance ovviamente. Chiara arrossisce e nasconde il piede destro, che evidenza un bel buco a livello dell'alluce. La guardia si avvicina, viso duro, e ripete di non disturbare gli atleti. Emma lo guarda perplessa e dice qualcosa come:”Non pensavo di disturbare la ragazza, mi dispiace!”, e fa un occhiolino a Chiara, con un cenno di seguirla. Avendo visto il quadernetto per gli autografi, se ne va e aspetta Chiara fuori dall'hotel, con la quale scatta questa foto e ovviamente fa un bell'autografo che dice: “Follow your dreams, never give up!”



Allegati

Commenti