Running Service - Allenamento, tabelle e corsa - Winning Program S.a.S.

Per tutti quelli che amano correre

Tutta l'esperienza e la passione di una vita di corsa.
Io apro le strade che gli altri percorrono

La newsletter della settimana

15/02/2019

Anno 16 - Numero 453
Il contenitore e il contenuto della programmazione



lunedì 18 febbraio 2019

Da giovedì 21 sarò allo Stage Lago di Garda, posti ancora disponibili. Per info scrivete a Ilaria.

Nuova offerta per la maratona di New York con volo diretto da Milano e Roma. Per Berlino, pettorali a ruba. Se interessati, non aspettate troppo!

Aperte le prenotazioni per tutti gli altri stages in programma nel 2019.

Orlando

P.S.: Se non vuoi più ricevere mie comunicazioni, clicca sui link di disiscrizione alla fine della mail. Qualora cambiassi idea, potrai ripristinare in ogni momento la ricezione della newsletter cambiando l'impostazione dal tuo profilo del sito. Per info scrivi a pizzolato@orlandopizzolato.com

Il contenitore e il contenuto della programmazione

In un recente convegno dove ho avuto occasione di ascoltare Renato Canova, la mia attenzione è stata attirata dalla sua affermazione, che in sostanza diceva che - in genere - è più difficile evolvere la preparazione (di un corridore di fondo) nel versante della velocità rispetto a quello della resistenza.
Quanto ha evidenziato Canova non è per me una novità: il mio allenatore sviluppava la mia preparazione annuale in 4 cicli:

1) dall'inverno verso la primavera gli allenamenti erano rivolti ad ampliare resistenza
2) dalla primavera verso l'estate mi allenavo per diventare più veloce
3) dall'estate verso l'autunno riprendevo ancora allenamenti per la resistenza
4) ed infine, dall'autunno verso l'inverno recuperavo ancora un po' di velocità

Le “tabelle” della 1a e 3a fase non erano uguali, e neppure quelle della 2a e 4a, anche se gli obiettivi fisiologici erano analoghi. Gli allenamenti per la resistenza dell'inverno erano svolti a ritmi più lenti di quelli dell'estate-autunno. Lo stesso era per la “velocità” primaverile (più intensa) rispetto a quella autunnale.
Ma il mio interesse nell'affermazione di Canova riguardava alcune situazioni tecniche che mi trovo ad affrontare nella gestione degli allenamenti con gli amatori che alleno.
Migliorare la “velocità” è più difficile rispetto allo sviluppo di una buona resistenza, intendendo che il margine di incremento nel primo aspetto è più ridotto del secondo. O meglio, un podista amatore ha meno margine di miglioramento prestativo nel versante della “potenza aerobica” (intesa come velocità massima del meccanismo aerobico, definito anche come velocità della soglia anaerobica), rispetto alla resistenza specifica.
Escludendo i podisti che hanno una repulsione per gli allenamenti all'intensità specifica per migliorare la potenza aerobica, i restanti amatori mentalmente predispositi ad allenarsi al ritmo della velocità della soglia anaerobica hanno un incremento prestativo più contenuto rispetto ai corridori di alto livello prestativo.
Questa particolarità fisiologica dipende da vari fattori, sicuramente genetici, ma anche correlati alla quantità di allenamento che si può fare.
Per ottimizzare il livello prestativo di un amatore, si deve quindi sviluppare una specifica programmazione tecnica.
Per un amatore che ha difficoltà ad espandere il “contenitore” nel quale inserire gli stimoli dell'allenamento, non è conveniente strutturare una programmazione specifica. Rilevo che la condizione di forma di questo tipo di amatori risponde meglio all'allenamento modulato (stimoli allenanti adeguatamente organizzati in relazione alla decadenza dello specifico effetto).
L'attenzione è rivolta essenzialmente sul “contenuto” della preparazione, visto che non si riesce ad espandere il “contenitore”.
Nel cado dei podisti che rispondono invece all'ampiamento sia del “contenitore” sia del contenuto, è necessario sperimentare quale sia la programmazione migliore da approntare. Canova, ed io concordo, afferma che la “programmazione piramidale” - nota per essere stata ideata da Lydiard - va messa sottosopra, vale a dire prima si agisce sulla velocità e poi sulla resistenza, contrariamente a quanto ha affermato il tecnico neozelandese.
Tale sequenza di stimoli è quella che io ho proposto con la programmazione pentagonale: si parte dal miglioramento della velocità/forza di base e ci si evolve verso la resistenza specifica.
La parte superiore della forma del “pentagono” corrisponde alla fase di rifinitura, cioè a quel periodo in cui si agisce sull'efficacia allenante dei recuperi accorciati fino al momento di gareggiare.




ATTENZIONE:
I commenti sono molto graditi, ma ti prego di non usare questo spazio per fare domande. Non è un servizio di consulenza ed è veramente difficile per Orlando fare fronte alle numerose richieste che arrivano dalle pagine del sito, dalla bacheca, dal blog, da Facebook, Twitter, telefono, email...



Allegati

Commenti

Adeguamento normativa sulla privacy

Info privacy *
Ai sensi del Regolamento UE 2016/679 (GDPR) Ex D.Lgs. 196/2003 acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo le modalità previste per legge
Leggi l'informativa privacy
 
Consenso newsletter *
Richiedo di volermi iscrivere alla Newsletter periodica e di aver letto e compreso la normativa sul trattamento dei dati personali No, non sono interessato alla ricezione della newsletter
Leggi l'informativa privacy