Running Service - Allenamento, tabelle e corsa - Winning Program S.a.S.

Per tutti quelli che amano correre

Tutta l'esperienza e la passione di una vita di corsa.
Io apro le strade che gli altri percorrono

La newsletter della settimana

13/01/2020

Anno 17 - Numero 470
La gara per l'allenatore

lunedì 13 gennaio 2020









Primo stage del 2020: dal 6 al 9 febbraio a Peschiera del Garda. Per informazioni contatta Ilaria. Ancora posti disponibili per lo stage, ma sistemazione alberghiera in esaurimento.

Qui il Calendario degli stages 2020: le vacanze sono ancora lontane ma non aspettare l'ultimo momento, sconti per chi prenota per tempo.

Aggiornamento viaggi: lunedi 13 apertura delle prenotazioni per la Maratona di Berlino, riservata a chi ha fatto la preiscrizione. Il giorno 27 torneranno in vendita i pettorali non confermati dai preiscritti. Se sei interessato manda una email Anna.

Buona lettura!

Orlando

P.S.: Se non vuoi più ricevere mie comunicazioni, clicca sui link di disiscrizione alla fine della mail. Se clicchi per errore, fallo presente con una mail indirizzata a pizzolato@orlandopizzolato.com

La gara dal punto di vista dell'allenatore

Il risultato agonistico di un podista che alleno, per me preparatore, è un numero che ingloba numerose informazioni.
Come prima cosa, il tempo conseguito in competizione è un dato che va confrontato con il potenziale dell'atleta, e da qui la prestazione conseguita deve essere al livello delle proprie capacità. Quando previsione cronometrica e rendimento collimano, si tratta di un successo perché il corridore è riuscito a esprimere il meglio di sé. A questo punto inizia un nuovo percorso tecnico, nel quale si ricercano gli elementi specifici che, adeguatamente organizzati, portano a esprimere un più alto livello prestazionale.
Quando invece previsione e tempo conseguito sono disallineati, il numero che esprime il rendimento del podista deve essere “smontato” e analizzato. Il tempo conseguito dall'atleta in gara altro non è che la sommatoria di vari elementi fisici e tecnici. Alla prestazione contribuiscono appunto le caratteristiche fisiche del podista, come la corporatura, il metabolismo energetico (fibre muscolari) e quindi l'efficienza biomeccanica.
Sul piano tecnico, come allenatore, devo invece capire quale sia l'anello debole. Passo alla revisione del livello di resistenza aerobica, della capacità aerobica, della velocità della soglia anaerobica espressa, fino a valutare il massimo consumo di ossigeno e la forza muscolare specifica.
Riportate in questo modo le componenti di un risultato cronometrico sembrano essere facili da indagare e si può agevolmente identificare il punto debole. Agire per rinforzarlo è quindi un processo semplice, ed è unicamente una questione di tempo, perché in qualche settimana (4-8 circa) si arriva a rafforzare in maniera rilevante l'aspetto fisiologico vulnerabile.
Quanto sulla carta - a livello progettuale - appare semplice da attuare, spesso si trasforma però in un'operazione complicata perché condizionata da elementi di disturbo che concorrono ad alterare la programmazione. Spesso sono allenamenti annullati, oppure gare impreviste ed estemporanee inserite nella programmazione, che non danno stimoli fisiologici specifici alla direzione tecnica che si sta seguendo, e che interferiscono quindi sul processo di crescita tecnica.
In numerose occasioni poi, il potenziale tecnico di un podista non viene espresso per incapacità gestionale dello sforzo. Quante volte si è vittima della propria esuberanza agonistica, finendo per correre una gara diversa da come la si era programmata?

A volte ciò può andare anche bene, perché si è stimolati a dare fondo ad energie che si pensava di non avere. Altre volte invece, un paio i chilometri corsi “fuori soglia” (ad intensità ben superiore a quella potenzialmente gestibile), porta a dissipare le energie e non concretizzare quanto si era progettato.
Spesso una gara non rivela solo quanto velocemente posso correre, ma anche molto di “quello che sono”.

orlando




ATTENZIONE:
I commenti sono molto graditi, ma ti prego di non usare questo spazio per fare domande. Non è un servizio di consulenza ed è veramente difficile per Orlando fare fronte alle numerose richieste che arrivano dalle pagine del sito, dalla bacheca, dal blog, da Facebook, Twitter, telefono, email...



Allegati

Commenti

Adeguamento normativa sulla privacy

Info privacy *
Ai sensi del Regolamento UE 2016/679 (GDPR) Ex D.Lgs. 196/2003 acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo le modalità previste per legge
Leggi l'informativa privacy