Running Service - Allenamento, tabelle e corsa - Winning Program S.a.S.

Per tutti quelli che amano correre

Tutta l'esperienza e la passione di una vita di corsa.
Io apro le strade che gli altri percorrono

La newsletter della settimana

21/11/2022

Anno 19 - Numero 529
Campestri? No grazie

lunedì 21 novembre 2022

Fissate alcune date del calendario stages 2023. Primo stage dal 16 al 19 febbraio a Peschiera del Garda. Per informazioni e prezzi scrivi a Ilaria


Sono aperte le pre-iscrizioni alle 3 Majors autunnali per il 2023:

24/09/2023 - Maratona di Berlino
08/10/2023 - Maratona di Chicago
05/11/2023 - Maratona di New York
esaurite invece Tokyo, Boston e Londra

Le pre-iscrizioni permettono di tenere bloccato al maratoneta il pettorale in attesa che aprano le prenotazioni con i relativi pacchetti viaggio. Per informazioni manda una mail a Anna

Buona lettura
Orlando

Campestri? No grazie

Autunno e inverno sono le stagioni ideali per dedicarsi alle corse campestri, un'attività che è sempre stata consigliata perché contribuisce ad aumentare il livello di forza e poi, in relazione alla distanza da percorrere, sollecita i meccanismi della soglia anaerobica (gare che durano 30' circa) e del massimo consumo di ossigeno (per le gare di 10-20').
Le campestri sono raccomandate anche perché sviluppano la capacità mentale a sostenere i disagi indotti dalla corsa su terreno insidioso - come il fango e l'erba - oltre che per le caratteristiche dei percorsi - come salite, discese, curve e superamento di ostacoli.
Molti podisti, sia di alto livello di rendimento, sia amatori, nei confronti delle campestri sviluppano un rapporto di amore o odio. C'è chi le apprezza perché rappresentano la vera corsa in natura, chi invece le evita per i tanti aspetti sfavorevoli.
Come ho riportato all'inizio, le campestri determinano delle sollecitazioni fisiche e fisiologiche altamente allenanti che è un peccato non sfruttare. In alternativa si possono fare allenamenti sull'erba ben curata, evitando proprio di correre in mezzo ai campi che in autunno presentano grumi di terra tali da rendere l'appoggio instabile e precario, con il forte rischio d'infortuni.
Svolgere allunghi, variazioni di ritmo, sprint in salita su tratti erbosi selezionati per la regolarità del fondo, consente di cogliere buona parte degli effetti della corsa sui prati senza buttarsi a sgomitare e ingoiare fango come avviene nelle competizioni affollate.
Certo, la gara campestre – come stimolo fisiologico – dà maggiori effetti rispetto ad un allenamento perché la durata è maggiore. Si può comunque compensare correndo sedute di ripetute medie o lunghe, oppure un corto veloce su un circuito erboso.
Un'altra occasione per simulare gli effetti della corsa campestre viene dalla corsa in salita, in particolare dalle sedute di corto veloce o corsa media che durano tanto quanto una gara di cross e che vanno svolte su pendenze del 5-8% (denominate anche “cronoscalate”). In queste prove la sollecitazione fisiologica e muscolare non ha niente da invidiare agli effetti di un cross. La corsa in salita può essere svolta anche nella modalità intervallata, come l'interval training – e quindi in forma organizzata – oppure come il fartlek - e quindi basandosi sulle sensazioni e sull'entità dello sforzo che si decide di sostenere. In quest'ultimo caso si percorre un lungo tratto in salita facendo accelerazioni e recuperi in base alla voglia di impegnarsi.
La modalità dell'interval training va invece organizzata a tavolino e si può strutturare la seduta “a tempo” o “a distanza”. Pertanto si può alternare 1' di corsa svelta a 1' di corsa in scioltezza, oppure si percorrono 200m forte e poi 200m lentamente. Nelle sedute intervallate in salita una considerazione particolare va fatta sulla durata del recupero perché – come si può immaginare – se la pausa viene fatta procedendo di corsa blanda, in salita l'impegno muscolare è maggiore rispetto alla pianura. In pratica, serve più tempo rispetto alla pianura affinché l'organismo ritorni ad uno stato simile a prima della prova.
Di conseguenza i tempi di recupero devono essere più lunghi rispetto ad una seduta intervallata svolta in pianura, altrimenti lo stato di acidificazione del sangue sale molto, e dopo qualche accelerazione si è costretti ad interrompere la sequenza di prove. Quindi, per un'accelerazione di 1', il recupero non deve essere inferiore a 1'30”, ma può essere anche di 2'. Diverso è il discorso se si decide che il recupero corrisponda ad una determinata distanza, perché si può gestire meglio lo sforzo.
Inoltre, il recupero da fermi non è da escludere nelle sedute intervallate in salita. In questo caso la durata della pausa è corretto fissarla sulla frequenza cardiaca, che deve essere inferiore di 25-30 battiti rispetto a quella massima raggiunta nella prova precedente.

Per concludere, l'aspetto sfavorevole della corsa in salita riguarda il ritorno in pianura, che non andrebbe fatto di corsa quando si tratta di percorrere più di 3km, perché gli effetti delle forze che si generano ad ogni contatto dei piedi determinano uno stress meccanico molto alto sui muscoli. La sommatoria degli effetti delle contrazioni, concentriche quando si corre in salita, ed eccentriche quando si corre in discesa, potrebbe causare un alto livello di stress, difficilmente assimilabile in qualche giorno di carico leggero.

orlando

P.S.: Se non vuoi più ricevere mie comunicazioni, clicca sui link di disiscrizione alla fine della mail. Se clicchi per errore, fallo presente con una mail indirizzata a pizzolato@orlandopizzolato.com




ATTENZIONE:
I commenti sono molto graditi, ma ti prego di non usare questo spazio per fare domande "a tappeto", e soprattutto personali. Non è un servizio di consulenza ed è veramente difficile per Orlando fare fronte alle numerose richieste che arrivano dalle pagine del sito, dalla bacheca, dal blog, da Facebook, Twitter, telefono, email...



Allegati

Commenti

Campestri

Buongiorno Orlando,
ed in alternativa ai campi, anche se non ha dislivelli ed ostacoli si potrebbe usare il terreno in erba naturale di campo di calcio? Un campo sintetico ovviamente no.
Grazie

giantudisco25/11/2022 06:25:57

Campestri

Certamente, anche se il materiale sintetico della superficie può dare una buona risposta elastica, diversamente dall'erba che invece assorbe la forza.
Si può quindi considerare il manto sintetico come vantaggioso per la meccanica di corsa.

orlando25/11/2022 06:43:39


Adeguamento normativa sulla privacy

Info privacy *
Ai sensi del Regolamento UE 2016/679 (GDPR) Ex D.Lgs. 196/2003 acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo le modalità previste per legge
Leggi l'informativa privacy