Running Service - Allenamento, tabelle e corsa - Winning Program S.a.S.

Per tutti quelli che amano correre

Tutta l'esperienza e la passione di una vita di corsa.
Io apro le strade che gli altri percorrono

La newsletter della settimana

09/09/2019

Anno 16 - Numero 463
Che inutile il defaticamento!

lunedì 9 settembre 2019






Sono passati due mesi abbondanti dall'ultima newsletter, e l'estate volge al termine. Le ferie e le vacanze sono ormai finite per la maggior parte di voi e siamo tornati alla routine tra casa, lavoro/scuola e corsa (spero).

Per quanto mi riguarda, sono tornato al lavoro di preparatore e alle tabelle di allenamento, e mancano due stages per chiudere la stagione: Peschiera del Garda e Val d'Orcia.. Per entrambi ci sono ancora posti, ma per il primo i tempi sono stretti e, se qualcuno ha intenzione di partecipare, deve mandarmi conferma entro lunedì mattina. Sconto del 15% a chi ha frequentato un mio stage nel 2019.

Vi lascio ora alla newsletter, che parla di una parte dell'allenamento considerata, erroneamente, marginale.

Buona lettura.

Orlando

P.S.: Se non vuoi più ricevere mie comunicazioni, clicca sui link di disiscrizione alla fine della mail. Se clicchi per errore, fallo presente con una mail indirizzata a pizzolato@orlandopizzolato.com

Che inutile il defaticamento!

Per molti non serve quasi a niente, tanto che non viene neppure fatto. Tra gli amatori con cui mi relaziono, c'è chi si ferma dopo 2' di corsa in scioltezza, e chi dopo una gara non percorre neppure un metro per rilassare i muscoli. I più “seriosi” arrivano, per scrupolo, a percorrere 1km, spesso come da tabella.
Il defaticamento appare come una parte noiosa e monotona della seduta, a volte inutile perché le sensazioni che si rilevano a fine allenamento sono sfavorevoli. Vale a dire che il mal di gambe avvertito in occasione dell'ultima prova, con riferimento ad un allenamento intervallato, o all'ultimo chilometro di una seduta di corsa media, di un corto veloce o della gara, non è tanto diverso rispetto a quello avvertito dopo il defaticamento. C'è chi rileva (addirittura) un aumento delle tensioni muscolari, nonostante la corsa sia stata svolta in scioltezza ed in forma rilassata.
Ed è proprio così: il defaticamento non fa passare il mal di gambe. Queste tensioni, che spesso sono elevate, fanno parte degli effetti ricercati.
La maggioranza degli atleti d'elite riserva invece al defaticamento una buona parte della seduta. Quasi sempre la durata media è di 20', ma ho visto mezzofondisti correre anche per mezz'ora, e non solo ad andatura da souplesse. Buona parte di loro percorre il defaticamento ad un passo più tranquillo della corsa lenta di circa 30”/km.
L'obiettivo di un post seduta così lungo è quello di aumentare il reclutamento di fibre muscolari rosse. Infatti, dopo aver sollecitato (praticamente fino all'esaurimento) sia le fibre lente sia le veloci – in relazione all'intensità della seduta svolta – si continua a correre “chiamando in attività” quella parte di fibre che sono latenti.
Di un muscolo solo una parte delle fibre che lo compongono sono infatti attivate, mentre una buona parte restano “silenti”. Se queste non vengono mai sollecitate a fornire il loro contributo, non saranno in grado di esprimere il loro potenziale nei momenti di necessità, come avviene nei finali delle gare di resistenza.
Inoltre, il loro coinvolgimento può essere anche non direttamente attivo nella produzione di energia, ma possono fornire il loro contributo quando c'è da smaltire l'acidità del sangue conseguente a sforzi anaerobici.
Quindi, mai commettere l'errore di pensare che il defaticamento sia inutile.

orlando




ATTENZIONE:
I commenti sono molto graditi, ma ti prego di non usare questo spazio per fare domande. Non è un servizio di consulenza ed è veramente difficile per Orlando fare fronte alle numerose richieste che arrivano dalle pagine del sito, dalla bacheca, dal blog, da Facebook, Twitter, telefono, email...



Allegati

Commenti

Defaticamento

L'ho rilevato proprio in questi giorni fatalità.
Grazie per il rinfresco!

dugato andrea06/09/2019 15:49:15

Defaticamento

A volte non lo farei il defaticamento ma sopratutto quando la gara è andata male oppure quando in allenamento non ho girato come avrei voluto cmq io solitamente svolgo da 1/2 km di defaticamento la differenza è che quando faccio lavori lattacidi di proposito giro il defaticamento a un ritmo più veloce del mio solito fondo x due motivi:
Uno x smaltire più velocemente acido lattico
Due perché nonostante aver tirato in allenamento il defaticamento a certi ritmi mi viene molto facile

Angelo BrunettiZ908/09/2019 10:56:21


Adeguamento normativa sulla privacy

Info privacy *
Ai sensi del Regolamento UE 2016/679 (GDPR) Ex D.Lgs. 196/2003 acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo le modalità previste per legge
Leggi l'informativa privacy