Running Service - Allenamento, tabelle e corsa - Winning Program S.a.S.

Per tutti quelli che amano correre

Tutta l'esperienza e la passione di una vita di corsa.
Io apro le strade che gli altri percorrono

Archivio racconti

14/09/2013

Il racconto di Olga - Mai... dire mai

RUNNERS&WRITERS
Anno 2 - numero 81
Sabato 14 settembre 2013

Mai... dire mai

E’ da tantissimo tempo, praticamente da quando sono usciti i “racconti”, che tra il resto aspetto sempre con impazienza e trovo deliziosi, che penso di scriverne uno anch’io…….chissà forse ora il momento giusto è arrivato.
Io abito in un luogo “spettacolare”, comune di Nago- Torbole sul Garda, in provincia di Trento, e da sempre amo passeggiare lungolago, circa 9 chilometri (andata e ritorno) che costeggiano il lago di Garda in un percorso completamente pedonale/ciclabile che congiunge Torbole a Riva del Garda; e da sempre incontro i numerosi runners di turno che tendenzialmente d’inverno sono i residenti del circondario, e d’estate il numero aumenta in modo esponenziale dall’arrivo dei turisti quasi tutti tedeschi, ma da quest’anno anche molti olandesi e polacchi, insomma una piacevole mescolanza di Paesi. Ho voluto fare questo preambolo in quanto durante le mie passeggiate ho sempre guardato, diciamo con curiosità, coloro che correvano e mi superavano, a volte mi sembravano veramente in “condizioni estreme” domandandomi: ”ma chi glielo fa fare? E’ così bello camminare e gustarsi il panorama! Io non correrò mai”; ma come dice un famoso adagio “mai dire mai”.
Non so spiegarmi come ho iniziato a correre, tutti i miei amici e la mia famiglia hanno pensato che forse il raggiungimento dei magnifici anni 50 ha fatto scattare in me una particella di follia, ed eccomi qua a scrivere la mia meravigliosa esperienza.
Tutto ha avuto inizio una mattina d’estate: mentre passeggiavo, improvvisamente mi sono trovata a correre……beh correre! A fare le grandi manovre per capire se riuscivo a muovere le gambe in modo diverso dal camminare; cercavo di correre e ridevo da sola nel pensare a quante critiche tacite si erano sentiti i runners nell’arco degli anni ed ora eccomi lì a provare una cosa che non avrei mai pensato di fare e a ridurmi in “condizioni estreme”. La prima persona con cui ho condiviso la prima esperienza è stato mio marito, al quale dico qualsiasi cosa, che mi ha guardato e non ha commentato sapendo il mio pensiero precedente ma ha sicuramente pensato, l’espressione era chiara, che non ci stavo con la testa. La seconda persona è stata Laura, l’amica del cuore, che mi ha guardata e senza molti preamboli ha commentato ridendo: ”ma tu sei fuori…..!!!”. Tenendo conto che le critiche tacite i runners le hanno avute anche da Laura in quanto camminavamo spesso assieme. Così è incominciata l’avventura.
Parlando al lavoro ho condiviso questo inizio di passione col collega Marco, diventati poi amici e compagni di corsa. Anche lui alle prime esperienze di corsa abbiamo deciso di allenarci un poco insieme (che fatica mostruosa, mi sembrava di essere Fantozzi) e di iscriverci coraggiosamente alla corsa corta del Babbi Natale di Belluno, 12 chilometri di sofferenza ma siamo arrivati in fondo…….felici ma per me, con un male terribile alle ginocchia. Da quel dicembre ho iniziato a cercare la scarpa giusta che forse non troverò mai (il male alle ginocchia un poco persiste), ho iniziato a leggere Correre e a metterne in pratica i preziosi consigli, ho cercato di curare l’alimentazione e ad iscrivermi alle gare che non superino i 12 chilometri; devo dire che mi sono divertita moltissimo, e ogni volta che arrivavo in fondo mi piaceva ricordare che sono vincitrice se al traguardo, nonostante la stanchezza, penso già alla prossima avventura.
Sono soddisfatta tenendo conto che sono un’autodidatta che ha iniziato solo tre anni fa. L’autunno scorso ho avuto un problema di salute piuttosto importante che nessuno è riuscito a diagnosticarmi, o meglio è stato diagnosticato a guarigione avvenuta, pertanto a dicembre ho corso a Verona i 10 chilometri dei Babbi Natale e credevo di morire, quando sono arrivata ho detto a mio marito, quasi tra le lacrime: “non correrò mai più, correre non fa per me”. E così è stato, ho abbandonato tutta l’attività sportiva: correre, bici e palestra e ho atteso di stare meglio; finalmente a febbraio è stata fatta diagnosi precisa e la convalescenza è durata fino alla fine di maggio. Poi la rimessa in moto è stata difficile e non nascondo la paura di ricominciare e sentirmi come a dicembre a Verona, non lo avrei sopportato; poi è arrivato il caldo e, come si sa, tutte le scuse sono buone!!! Giugno e Luglio li ho passati a prendere le misure: sono tornata in palestra e in bicicletta ma a correre ho iniziato solo ad agosto e non nascondo che ho dovuto forzare la mano. Ma….l’emozione è stata fortissima quando ho messo il pantaloncino ed ho allacciato le mie scarpe dopo tanti mesi, sono andata sola e mi pareva di non avere mai corso in vita mia (che fatica) ma all’arrivo che soddisfazione!!!
D'estate ho mantenuto tre allenamenti la settimana, con moderazione e con chilometri ridotti, ma le cose vanno bene e non vedo l’ora che venga il 6 ottobre per la 10 di Verona; ah dimenticavo la mia amica Laura ora corre con me dicendomi tutte le volte: “guarda cosa faccio per te….. purché tu sia felice!!! A me correre non piace e speriamo che tu la smetta in fretta con questa mania”. Ma secondo me mente spudoratamente.
Stamani quando siamo rientrate dalla nostra corsetta mattiniera è stato bellissimo e dopo tanti mesi sento finalmente il mio corpo rispondere nuovamente e positivamente alla fatica e la paura di non riuscire più a correre si sta finalmente spegnendo!!!

Olga Guarese

Olga Guarese, di Genova ma ora residente a Trento, dove vivo con la mia splendida famiglia. Come si evince dal racconto tre anni fa ho iniziato a “correre” anche se ho sempre fatto sport: dal nuoto da ragazza, alla palestra da adulta e a correre da...
Certe volte penso che sia un peccato avere già girato la prima boa della vita, avrei ancora mille e forse anche di più cose da fare e da vedere e mi sembra che il tempo non basterà; quando andrò in pensione, speriamo che la salute mi aiuti mi dedicherò ai miei hobby preferiti: viaggi, lettura e studio (se la testa reggerà).
Mi sembra di avere dato un chiaro quadro di chi sono...



Allegati

Commenti