Running Service - Allenamento, tabelle e corsa - Winning Program S.a.S.

Per tutti quelli che amano correre

Tutta l'esperienza e la passione di una vita di corsa.
Io apro le strade che gli altri percorrono

gennaio 2016

21/01/2016

Dubai sempre di qualità

Domani mattina si correrà la maratona a Dubai e difficilmente verrà migliorato il primato del mondo, anche perché non è in programma che ci siano “lepri” che corrano a 2'55” circa al chilometro, ma è invece molto probabile che il vincitore tagli il traguardo in meno di 2h05'.
Si consideri che negli ultimi anni i vincitori hanno conseguito questi tempi:

2h04'23” nel 2012 (record del percorso)
2h04'45” nel 2013
2h04'32” nel 2014
2h05'28” nel 2015

La maratona di Dubai è una corsa che ha avuto spesso vincitori che prima erano quasi sconosciuti. Ciò è dovuto al fatto che è una prova in cui gli ingaggi sono bassi (rispetto alle grandi maratone internazionali) ma il montepremi molto alto (200 mila dollari al vincitore). Il campo di partenti quindi è molto aperto (22 maratoneti hanno un primato inferiore a 2h10', ed il vincitore dello scorso anno Hayle Lemi Berhanu, aveva un primato di oltre 2h10' prima di correre in 2h05'28”) perché non c'è un favorito netto su tutti.
La gara quindi è molto aperta e come sempre sarà una sfida tra etiopi e kenyani, con i primi più agguerriti.
Io penso che ci sia la possibilità di fare il primato della corsa, magari con un tempo di 2h04'10”

Anche la prova femminile ha le stesse caratteristiche della prova maschile ed è probabile che la forte concorrenza porti la vincitrice a tagliare il traguardo in 2h21' circa. Il record del percorso è 2h19'31”
Favorite ancora le etiopi Seboka e Melkamu, lo scorso anno arrivate 1^ e 2^ con un “distacco” di soli 22 centesimi!

In gara ci saranno anche tre maratoneti che ho allenato e che spero possano correre al meglio per fare il proprio primato.

E' prevista una temperatura di 16-18° durante la gara, con leggera brezza.

(foto Getty images)



Allegati

Commenti