Running Service - Allenamento, tabelle e corsa - Winning Program S.a.S.

Per tutti quelli che amano correre

Tutta l'esperienza e la passione di una vita di corsa.
Io apro le strade che gli altri percorrono

Archivio racconti

02/05/2016

Il racconto di Francesca - L'anta dell'armadio

RUNNERS&WRITERS
Anno 5 - numero 148
Lunedì 2 maggio 2016

L'anta dell'armadio

Una calda sera di fine Maggio decisi che quello sarebbe stato l’ultimo allenamento e che avrei messo le mie Jordan dentro l’armadio: si chiudeva così un lungo capitolo della mia vita iniziato all’eta’ di 6 anni e terminato con i 30.

Lasciavo dietro quell’anta tanti bellissimi ricordi: lacrime di dolore e di gioia per quelle partite perse o vinte all’ultimo secondo, le pizze dopo gli allenamenti, le risate e gli scherzi, ma, più che altro, lasciavo lo “spirito dello spogliatoio” che ci aveva unito e legato, quello spirito che solo chi ha praticato uno sport di squadra può capire fino in fondo.

Amando sempre e comunque lo sport riaprivo quell’anta scegliendo scarpe diverse: ora da palestra, ora da tennis ma non era la stessa cosa. Pur non avendo mai avuto difficoltà a relazionarmi con gli altri, non riuscivo comunque a ritrovare quello che avevo lasciato chiuso nell’armadio.

Un pomeriggio, attirata dal mio colore preferito, il viola, decisi di comprare un paio di scarpe da corsa che avevano quello splendido colore. Non sapevo se le avrei utilizzate o meno ma le adoravo e, visto che la palestra mi aveva annoiato, decisi che non mi avrebbe fatto certo male prendere una boccata d’aria fresca. Così, per caso cominciai a correre!!

Dopo aver macinato un po’ di chilometri da sola, i miei amici di Poggiopertugi mi hanno “costretta” ad unirmi a loro, non solo negli allenamenti ma anche in qualche gara. Così, inaspettatamente, è cresciuta (corsa dopo corsa) la passione per questo sport: stavo ritrovando quella ”cosa” così bella che tanto mi mancava…

L’appuntamento fisso della sera, della domenica mattina (preceduto da tante chiacchiere), le cene o pranzi, l’adrenalina che saliva prima di ogni gara mi facevano apprezzare in maniera sempre maggiore quello sport che da, prettamente individuale, stava diventando di squadra: la condivisione non solo di km, ma di fatica e rinunce per la preparazione alla maratona ci aveva davvero unito ed è proprio grazie alla maratona che mi sono iscritta all’Atletica Sangiovannese.

Io, H901, non avrei mai potuto segnarmi a Poggiopertugi e così, spinta anche da un altro amico, Massimo Di Marco, ho iniziato questa splendida avventura in quella che è oggi la mia squadra.

Quello che credevo dimenticato oggi è lì: ogni volta che apro quell’anta dell’armadio e metto le scarpe da running ai piedi.

In questi anni ho conosciuto tantissime belle persone e ho avuto il piacere di stringere dei legami davvero speciali che sanno prima di tutto di amicizia: perché per me lo sport è questo!

Grazie di cuore a tutta la nostra bellissima squadra per tutti i consigli, il supporto, le risate (insomma proprio per tutto a 360°) e a tutte le runnerssss girlssss in particolare a Simona, con la quale ho iniziato (e fin da subito c’è stata davvero una grande intesa) e con la quale finirò: in un tempo molto molto lontano (quando saremo ultraottantenni) ci siamo promesse di fare la passeggiata ludico-motoria del Passatore!!!

Quando sarà il momento di richiudere di nuovo quell’anta lo farò con un sorriso e con la gioia di aver avuto la possibilità di riprovare quelle stesse emozioni ancora una volta.

Francesca Fabbri

Mi chiamo Fabbri Francesca e sono nata il 17/12/1975 a san giovanni valdarno in provincia di arezzo dove sono cresciuta e dove attualmente vivo insieme a mio figlio di sei anni.Sono impiegata c/o istituto di credito e…. visto che sto praticamente seduta piu’ di 8 ore al giorno ed ovviamente al chiuso, ho trovato nella corsa la mia seconda grande passione……la prima rimane sempre e comunque il basket che ho praticato fino a 30 anni!...ho cominciato per scherzo e all’eta’ di 40 anni…quasi 41 mi ritrovo ad aver corso 4 maratone…..ma quello che piu’ conta, oltre ad una soddisfazione personale di essere riuscita a correre l’ultima a Roma 2016 in 3 ore e 50, e’ il gruppo stupendo di amici che ho incontrato iscrivendomi all’atletica sangiovannese e alle tantissime persone conosciute durante i km percorsi……e’ stupenda l’atmosfera che “gira” intorno a questo sport …..o per lo meno per come lo vivo io!!



Allegati

Commenti